Notte Rosa

13 Lug

Rimini ha inaugurato l’estate, in ritardo, ovviamente, con il baraccone chiamato Notte Rosa. Preceduto dalla Molo Street Parade, altro baraccone a base di “musica” e stand gastronomici. Per carità, iniziative che muovono l’ambiente e portano gente, anche se solo per la sera dell’evento, ma se assorbono tutte le risorse disponibili lasciano un’immagine di città troppo vuota per essere accettabile; tolti pochi eventi di nicchia, che sopravvivono a stento, la cultura ufficiale a Rimini resta affidata alle mostre di Goldin, che richiamano pubblico in quantità inversamente proporzionale al livello culturale dell’evento.
Ma in realtà mi ha impressionato di più un altro aspetto: la Notte Rosa ha fatto emergere chiaramente l’enorme problema dello sballo giovanile, molto giovanile. Non é più innanzitutto la droga, nemmeno leggera, a mandare in coma i ragazzi, oggi é l’alcool a lasciare le vittime a terra la notte. Nel centro di Rimini, nella zona dei locali, é normale vedere ragazzi, liceali, dall’aspetto, che bevono da bottiglie di birra mentre girano da un pub all’altro. Che fare? Certo, il proibizionismo non è una soluzione, penso che da una parte sarebbe bene non incentivare lo sballo con eventi dedicati, ma soprattutto deve essere rilanciata la responsabilità educativa dei genitori (due, padre e madre), a cui spetta orientare i ragazzi, che da soli possono solo essere preda dei sollecitatori di istinti per profitto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: