Neolingua teologica

20 Lug

Un articolo a pag. 15 di Avvenire di oggi 20 luglio 2013 dà notizia del riconoscimento di una “guarigione prodigiosa”, o forse più esattamente “prodigiosa-miracolosa” avvenuta a Lourdes nel 1989. E’ la sessantanovesima guarigione che la Chiesa ritiene “prodigioso-miracolosa” (termine inverosimile usato nel decreto diocesano di riconoscimento), poche in più di 150 anni, a testimoniare la altissima cautela con cui si muove la Chiesa su questa materia. Il fatto merita di essere notato, ma a me ha colpito di più la frase attribuita al docente di etica teologica don G. L., che cito:”In questo fatto prodigioso, così come negli altri, riconosciamo la dinamica della fede: ascoltare, vedere e credere. Ciò che possiamo auspicare è la possibilità di uscire dal dilemma “miracolo-non miracolo”, troppo dualista e non rispondente alla realtà dei fatti che accadono a Lourdes”.

Qualcuno è in grado di tradurre in italiano la lingua usata dal docente di etica?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: